Lilia

Giovedi 4 Novembre 2010

I francesi, soprattutto i parigini, sono all’apparenza molto rigidi.

Gli uffici dell’università esaltano questo lato dei francesi. Ed è pure comprensibile:gli studenti, specialmente gli erasmus, si presentano con le domande le più variegate e impensabili, sbagliano le date, vanno fuori orario, e spesso pretendono nonostante le loro mancanze.

Usciti dall’ufficio relazioni internazionali di economia Valentina mi dice “Lei non è come le altre!!”

In effetti trovare chi ti sorride è un’impresa.

“Lei è gentilissima,e  quando le fai delle domande ti risponde!” continua.

Lilia, la segretaria dell’ufficio relazioni internazionali di Economia, ha i capelli chiari, la pelle scura e gli occhi azzurri. Se a questo si aggiunge il sorriso permanente, quando si entra nel suo ufficio si resta effettivamente colpiti. E il fatto che usi il “tu” invece del “voi” la fa sembrare definitivamente più simile a una studentessa che a una segretaria.

Quando sono andato per il mio learning agreement da finire siamo finiti a parlare dell’erasmus, delle lezioni, dei francesi difficili da conoscere e della vera Parigi che è da scoprire.

Qualche giorno dopo mi è arrivato un messaggio che mi invitava ad andare nel suo bar. Scendo a Place de Clichy e mi incammino nelle vie del quartiere a fianco di Montmartre.

Seduti al tavolino del bar, l’intero quartiere ci passa a fianco. Chi entra e saluta, chi si ferma, chi aspetta fuori.

Chi mi conosce sa che , a stomaco vuoto, un bicchiere di rosso è più che sufficiente a farmi diventare allegro.

E scopro che Lilia ha più o meno la mia età, che è laureata alla Sorbona, che ha fatto una piccola rivoluzione nel 2005 per il Cpe e che ha lavorato all’Ambasciata di Francia in Siria. E dopo è partita per un lungo viaggio in medio oriente.

E parliamo di politica, dell’Italia, della Francia, del Parmigiano e del prosciutto.

Forse è il vino, o forse la compagnia, ma intorno c’è un’atmosfera calda, dove tutti sembrano conoscersi e dove tutti si sorridono.

I veri francesi sono nei quartieri ed escono solo con il vino rosso.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...